Mese di Dicembre

Nel mese di dicembre celebriamo il Sabbat di Yule o Saturnalia nei giorni dal 20 al 22 dicembre. La notte più lunga dell’anno è un momento di gioia per le streghe. Questo sabba infatti celebra la rinascita del Dio, simboleggiato dal sole. Splendor o Lucifero (che significa Portatore di luce) rinasce e piano piano acquisterà forza ed energia regalandoci giornate più lunghe e calde. Questo sabba così importante per i romani che festeggiavano i saturnali dal 17 al 23 dicembre venne trasformato nella nascita di Cristo nel 348 circa da Papa Giulio I° che non riuscì in nessun modo a scalzare questa festività pagana.

 

La luna piena del mese è chiamata  La Luna della Quercia e celebriamo in data 12 dicembre con la luna nel segno dei Gemelli

Il Sole è nel segno del Sagittario fino al 20 dicembre, quando entrerà nel segno del Capricorno

Gli Angeli Reggenti del mese di dicembre favoriscono la filosofia, l'insegnamento, le iniziative benefiche, la magistatura, la medicina e la ricerca scentifica.

Novità

 

previous arrow
next arrow
previous arrownext arrow
Slider

Gli Angeli

Angeli Custodi  dei nati nel mese di Dicembre

 

 

previous arrow
next arrow
previous arrownext arrow
Slider

Oracoli

La Carta del mese

 

 

E’ il Carro dei trionfi, del progresso, dell’evoluzione. La vittoria proviene dalla fermezza dei propositi, dalla coerenza, dall’equilibrio.

La capacità di governare se stesso e gli eventi richiede discernimento e armonia. La riuscita nelle cose dipende da potenzialità personali, dalla capacità di rovesciare il negativo in positivo, da talento. Al negativo, esiste incapacità di vincere le situazioni, mancano la diplomazia e la capacità di ricercare un ambito equilibrio.

Nel Mondo Divino: La dominazione dello Spirito sugli elementi

Nel Mondo Intellettuale : Il sacerdozio e la regalità, o meglio la sintesi dei due nel Re e Sacerdote

Nel Mondo Fisico : La sottomissione degli elementi e della materia all’Intelligenza che li domina

 

 

Leggi di più

La Runa del mese

 

Nomi Alternativi: Icz, Iss, Is

Corrispondenza Astrologica:  Luna

Elemento: Acqua

 

Significati:

Il significato tradizionale è "ghiaccio". E' l'elemento d'acqua nello suo stato solido, che è stato plasmato in una forma, in opposizione al fluido che ne è privo. I principi qui rappresentati sono la preservazione e la resistenza al cambiamento. E' una forza necessaria in natura, che rallenta il processo evolutivo, rendendo impossibile una crescita incontrollata.
A livello psicologico, Isa può rappresentare aree dell'inconscio che rivelano comportamenti fossilizzati che possono essere parte del carattere sin dalla nascita. Può non essere possibile cambiarli e cercare di portarli alla luce non è raccomandabile. Ha un influenza frustante e di solito significa che potranno passare un periodo di tempo prima che sia possibile muoversi.

Leggi di più

Un po di Astrologia

 

Sagittario

Essendo dominato dal pianeta Giove e rappresentando il centauro Chirone, precettore degli eroi, il segno Sagittario esprime la potenza, la tensione verso il cielo, gli alti scopi e l’elevazione dell’anima, la rapidità e la riuscita. Accorda ai nati del segno il gusto dell’avventura, la mobilità, il bisogno di sperimentare e scoprire, l’attrazione per i paesi stranieri, l’entusiasmo e la sete di conoscenza.

Nono segno dello zodiaco : 22 novembre – 20 dicembre

Caratteristiche

E’ il fuoco placato, che cova sotto la cenere, la brace rossa che non si spegne. E’ l’essere che trasforma le proprie emozioni in attività, che è animato da benevolenza e da valori umanitari.

Piuttosto introverso, ponderato e sereno, è animato da una filosofia che cerca di conciliare il suo gusto e amore per indipendenza e un certo ordine sociale. Attira la fiducia e la lealtà. Desidera a unificare il suo Io ed essere padrone a se stesso , cosa che spesso lo porta anche alla rivolta.

I nati sotto questo segno hanno la grande capacità di messa a fuoco e di solito sono molto intensi nelle loro emozioni e pensieri. Non particolarmente pazienti e di norma si aspettano dei rapidi risultati. Non riescono a gestire gli impegni e si rifiutano di esser legati mentre inseguono i loro sogni .

Sono persone pieni di fiducia , felici, allegri e molto schietti. Hanno una mente molto attiva, ma spesso inclini alla distrazione, in quanto mancano di disciplina e non amano concentrarsi a lungo sulla stessa cosa. Credono molto nel futuro, sono persone estremamente generosi e non hanno paura della povertà.

Leggi di più

Giove

 

Simbolo : Espansione. Valori di coesione di armonia, di gerarchia.

Funzioni psicologiche, tendenze, attitudini, capacità : Capacità di negoziare i propri valori e modalità di adattamento nel mondo. Socializzazione. Giudizio, capacità di semplificare e unire, senso di sintesi. Capacità di schiudersi e di godersi la vita.

Modalità di esperienza- circostanze, avvenimenti: Raccolto della maturità. Rapporti con la gerarchia, con l’autorità, con la società, con il potere, con la legge e con la conoscenza.

Funzioni biologiche e fisiologiche: Fegato e funzioni epatiche. Circolazione arteriosa. Polmoni

IL PIANETA GIOVE governa i segni del Sagittario e dei Pesci. Esso tende a creare un carattere vivace, allegro ed ottimista

Giove (Zeus)

Rappresentato dal più grande pianeta del nostro sistema solare, Giove è figlio e successore di Saturno. Sfuggì alla sorte dei fratelli grazie alla madre, Rea, che lo salvò dall’invidia del padre sostituendolo con una pietra avvolta nelle fasce. Giove inaugurò allora un nuovo regno. Simboleggia l’espansione, l’autorità e l’ordine dello spirito, il giudizio, ma può anche rappresentare la follia delle manie di grandezza , delle speranze megalomani.

La posizione di Giove nel tema natale ci indica il tipo di esperienze che generano ottimismo, fede e profonda fiducia in noi stessi. L’ottimismo gioviale induce all’estroversione, alla socievolezza, a una bonarietà che tende a semplificare le difficoltà, spingendoci a trovare la soluzione migliore e insieme più pacifica ad ogni problema. Giove inoltre ci spinge a sollevarci al di sopra delle inezie della quotidianità, a trascurarne i particolari e i dettagli privi di significato, ci invita a conquistare una prospettiva più ampia e, soprattutto, spiritualmente o moralmente significativa. Ecco perché con Giove favorevole al nostro fianco la vita ci appare più bella e più ricca di significato. Quando Giove si trova nei segni d’acqua a generare fiducia e ottimismo nella persona è il coinvolgimento emotivo, il vivere in armonia con i propri bisogni interiori, nei segni di terra sono i risultati concreti, le sicurezze acquisite attraverso la fatica e il duro lavoro, nei segni d’aria è il contatto ed il confronto con gli altri, la possibilità di esprimere liberamente le proprie idee, nei segni di fuoco è la sfida, il rischio, è provare a se stessi di essere in grado di superare qualsiasi ostacolo.

 

Leggi di più..

Le Feste

Dicembre - La Luna della Quercia

12 dicembre

La quercia ha sempre rappresentato l’aspetto maschile della Divinità e il flusso naturale tra il mondo fisico e spirituale. Nel mondo fisico, il tronco e i rami crescono e si allungano verso il cielo, mentre le radici affondano nelle regioni occulte del mondo sotterraneo. In secondo luogo, c’è un rimando al Re dell’Agrifoglio, che simboleggia gli ultimi mesi dell’anno. Il Re della Quercia si insedia nel giorno del solstizio d’inverno, portando con sé il ritorno della luce rappresentato dal nuovo Sole. Poi naturalmente, c’è il vischio. Nonostante l’inattività della natura, questa nuova vita spunta tra i rami della quercia con bacche bianche che simboleggiano il seme del Signore della Foresta. Il vischio è lì a ricordarci che la vita non fa che rinnovarsi, che è sempre produttiva e costante. Mentre la luna della Quercia si fa piena nel cielo di dicembre, bisogna ricordare che siamo parte integrante delle opere del Cosmo, proprio come del mondo nel quale ci risvegliamo ogni giorno. Questo esbat va celebrato con il pensiero del ritorno del Figlio Divino e della Nuova Luce, decorando se stessi e la casa con ramoscelli di vischio e regalando candele per ricordare anche alle altre persone che con i loro percorsi individuali di luce sono singole fiamme del Nuovo Sole.

Per celebrare questo esbat è opportuno vestirsi con abiti bianchi e gialli per dare il benvenuto del Sole. L’altare andrebbe decorato con agrifogli, vischio e simboli solari. Le candele da usare sono bianche .Mentre il perimetro del cerchio andrebbe segnato con candele gialle o semi di girasole. Nel caso si usassero dei semi , al fine del rituale vanno raccolte e conservate (una parte) fino alla primavera e poi piantati, il resto va regalato agli uccelli.

Per il banchetto si usano cibi come biscotti allo zenzero con succo di mele o sidro

 

Yule/Saturnalia

o solstizio d'inverno 21 dicembre

 

 

 

20-22 dicembre

Divinità – Horo, Iside, Osiride,

Colori : rosso, verde e bianco

Viene celebrato nel primo giorno di inverno. Le giornate si allungano e il Sole torna a baciarci con i suoi luminosi raggi.

E’ una festa molto antica che speso viene interpretata, nonostante le sue origini sian ben più remote, come una sorta di rivisitazione del Natale cristiano. In questa giornata vengono acceso fuochi e candele per celebrare la rinascita del Dio; la festività simboleggia la rinascita continua e l’evoluzione della vita. Viene celebrata all’alba, il momento in cui sorge il Sole. In questo periodo si conservano le decorazioni che verranno bruciate, come simbolo di cambiamento , a Imbolc. La tradizione colloca in questa data la battaglia tra il Re dell’Agrifoglio (simbolo dell’oscurità e della Vecchiaia) e il Re della Quercia (simbolo della Luce e della Giovinezza) terminata con l’uccisione del primo. In questo combattimento viene ben rappresentato il passaggio dal vecchio al nuovo. Una delle tradizioni del giorni è quella di ripulire la casa da tutte le Energie vecchie e negative con una scopa di saggina che poi verrà bruciata. Il momento è particolarmente indicato per intraprendere ogni sorta di inizio.

La notte più lunga dell’anno è un momento di gioia per le streghe. Questo sabba infatti celebra la rinascita del Dio, simboleggiato dal sole. Splendor o Lucifero (che significa Portatore di luce) rinasce e piano piano acquisterà forza ed energia regalandoci giornate più lunghe e calde. Questo sabba così importante per i romani che festeggiavano i saturnali dal 17 al 23 dicembre venne trasformato nella nascita di Cristo nel 348 circa da Papa Giulio I° che non riuscì in nessun modo a scalzare questa festività pagana.

 

Rituale